Mese: ottobre 2017

AC BELLA E INCONCLUDENTE………NUOVO KO INTERNO!

AC LISSONE – CONCOREZZESE 0 – 1
AC LISSONE: Citterio, Motta (78’ Suppa), Brambilla, Liprino (86’ Vacri), Cappellini, Donnadio, Gelosa (63’ Brasca), Ceppi (55’ Lucente), Centemero, Cavallari, Sansonetti. A disp. Bacchin, Tagliabue, Castelmare. All. Avella
CONCOREZZESE: Corsaro, Cazzaniga, Formenti, Parma, Sironi, Bonfanti, Colombo, Bercè, Rebuzzini, Sangalli (78’ Zingari), Meroni (61’ Calloni). A disp. Leserri, Masini, Oteri, Chahab, Panceri. All. Motta
ARBITRO : Borchielli di Milano
MARCATORI: 78’ Calloni (C)
NOTE : Pomeriggio a tratti soleggiato, campo in buone condizioni, spettatori 60 circa. Ammoniti: Corsaro, Parma, Bonfanti, Colombo (C). Espulso al 93’ Suppa (ACL) per proteste. Corner: 12 a 1 per l’AC Lissone. Recuperi: 1’ pt + 5’ st.

Lissone – Al termine di un monologo bianco-azzurro dalle mille opportunità, tutto ciò che resta in mano all’AC Lissone è solo un pugno di mosche. La poca precisione e determinazione in fase realizzativa ha pesantemente condizionato l’andamento del match che, pur avendo palesato la netta superiorità tecnica dei locali, ha condotto l’undici lissonese al secondo passo falso interno stagionale ed al terzo totale. Se dopo otto gare di campionato la differenza reti è di +1 (11 segnate a fronte di ben 10 subite), capiamo bene che, se si vuole mantenere una determinata posizione di classifica e raggiungere certi risultati, è basilare imporre una decisa inversione di tendenza, facendo tornare a livelli di eccellenza un reparto che da sempre è uno dei punti di forza della prima squadra dell’AC. Fondamentale è altresì ritrovare concretezza in fase realizzativa; va bene imporre il proprio gioco, va bene produrre una quantità industriale di palle gol, ma se a conti fatti non la si butta dentro la notevole mole di lavoro serve veramente a poco se paragonata agli avversari: vedi la Concorezzese – per dire la più recente – che con un solo tiro nello specchio della porta in 90’ ha portato a casa tre punti pesantissimi.
La classifica attuale certamente non rispecchia quanto l’AC ha dimostrato di poter e saper fare, ma certamente il bel gioco non sempre è sinonimo di vittoria, e la formazione di Avella, purtroppo, ne è la dimostrazione.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

RIMONTA A ERBA, LA JUNIORES SI FUMA L’ARCELLASCO

ARCELLASCO – AC LISSONE   1-3
ARCELLASCO : Pelaratti, Stucchi, Fontana (90′ Luca Corti II), Luca Corti I, Gerosa, Fusi, Chilelli (66′ Valentini), Sassone, Innamato, Manca, Facco (77′ Morson). A disp. Longoni, Molteni, Pisa, Quaini. All. Campana.
AC LISSONE : Buccelloni, Bonavoglia, Archesso, Ciofi (61′ Foroni), Vecchio, D’Amato, Narducci, Fresca, Sala, Gebbia, Rodas (46′ Biancardini). A disp. Spessato, Medici, Marone, D’Aloiso. All. Rampinelli.
MARCATORI : 10′ Luca Corti I (A), 50′ Biancardini (ACL), 60′ Ciofi (ACL), 71′ Fresca (ACL).
ARBITRO : Malacrida di Como.
AMMONITI : Corti, Fontana e Fusi (A); Rodas e Gebbia (ACL).

L’AC Lissone torna alla vittoria infliggendo il secondo stop consecutivo all’Arcellasco e aggancia il Meda al 5° posto in classifica, complice la sconfitta dei bianconeri sul campo del Biassono ora secondo (il Cantu pareggia a Maslianico) dietro la Lentatese ancora vincente.
IL primo tempo dei biancazzurri è disastroso: alla prima chance, i locali sfruttano un’indecisione difensiva e insaccano con Corti (omonimo del Corti del 2000 inizialmente in panchina, ma lui è un ’99); nel prosieguo hanno almeno due palle buone per raddoppiare ma non ce la fanno consentendo all’AC di sperare. E così accade a maggior ragione nella ripresa, quando la voglia di vincere dei ragazzi di Rampinelli viene fuori: Biancardini anticipa tutti sulla punizione di Gebbia e fa 1-1, poi Ciofi la mette all’incrocio dei pali con un tiro potente dopo l’appoggio di Sala; infine Fresca segna al volo trasformando in gol il piazzato di Brasca.
“Dopo un bruttissimo primo tempo in cui pareva di essere all’oratorio, ci siamo un po’ tranquillizzati col pareggio e poi abbiamo continuato con grande intensità”, dichiara Rampinelli che puntualizza: “Salvo la grande voglia di vincere che in effetti ci ha portato tre punti importanti, ma dal punto di vista tecnico non è stato un grande sabato per noi”.

Ufficio Stampa AC Lissone

LE TROPPE OCCASIONI SPRECATE CONDANNANO L’AC

DI.PO. VIMERCATESE – AC LISSONE 2 – 1
DI.PO. VIMERCATESE : Doto, Pinna, barzaghi F., Barzaghi D., Riboldi, Misani, Brambilla (90’ Sala), Parolini, Prattichizzo (67’ Gatti), Crippa, Nardiello. A disp. Colombo, Bressan, Forastiero, Cojio, Beretta. All. Gini
AC LISSONE : Citterio, Motta, Brambilla, Tagliabue (87’ Morabito),Cappellini, Donnadio, Brasca (75’ Bonavoglia), Ceppi (46’ Gelosa), Castelmare (46’ Centemero), Cavallari, Sansonetti(79’ Suppa). A disp. Buccelloni, Liprino.All. Avella
ARBITRO: Zuini di Mantova
MARCATORI:24’ Brambilla (DV), 27’ Prattichizzo (DV), 53’ Cavallari (ACL)
NOTE: Pomeriggio nuvoloso, campo discrete condizioni, spettatori 70 circa. Ammoniti: Pinna, Prattichizzo (DV), Donnadio, Cavallari (ACL). Corner: 6 a 2 per l’AC Lissone. Recuperi: 1’ pt + 4’ st.

Vimercate – La gara con la DI.PO., nonostante la gravosità dell’impegno, era l’occasione buona per dare continuità ai risultati e solidità alla classifica, consci della propria forza e della mentalità basata sul “non mollare mai”. Purtroppo così non è stato ….. Se si è tornati a mani vuote da Vimercate lo si deve soprattutto ad una gara dai due volti: nel primo tempo si è vista un’AC cicala, bella da vedere, con triangolazioni e tanto possesso palla ma pochissima sostanza; nella ripresa si è vista un’AC formica, laboriosa e determinata a creare il maggior numero di occasioni da rete che, tranne in una occasione, sono state gettate malamente alle ortiche. Se con il Cinisello la vittoria era parsa un risultato fin troppo corposo con la DI.PO., al contrario, la sconfitta è un risultato fin troppo punitivo per quanto fatto vedere, soprattutto nella seconda frazione di gioco.
I padroni di casa, invece, molto più pratici e cinici degli ospiti, nella prima frazione di gioco hanno capitalizzato al massimo le sole tre conclusioni prodotte, andando a segno due volte e colpendo un legno, mentre nel secondo tempo hanno faticato a controllare il ritorno lissonese, non disdegnando di ricorrere a sfacciate perdite di tempo, legalizzate da un arbitraggio alquanto parziale.
L’inizio gara fa sperare in bene per i bianco-azzurri che già al 3’ hanno una grossa opportunità con Castelmare ma la sua conclusione da centro area termina sopra la traversa. La risposta locale è immediata e porta la firma di Nardiello la cui conclusione è deviata da Citterio quel tanto che basta per mandarla a colpire la traversa. L’azione lissonese denota pulizia e geometria di manovra, con possesso palla prolungato, ma di contro non arreca pericolo alla porta di Doto. Questa situazione si protrae sino al 24’ quando i locali passano in vantaggio: lancio per Prattichizzo, Citterio esce sino al limite per respingere di piede e anticipare l’attaccante, palla recuperata da Brambilla che dalla mediana azzecca il lungo pallonetto trovando l’estremo ospite fuori dai pali. Passano tre minuti ed ecco il raddoppio: respinta corta della difesa lissonese, palla al limite e conclusione potente di Prattichizzo che non da scampo a Citterio. Con i lissonesi scossi dall’uno-due vimercatese, i padroni di casa spingono sull’acceleratore ed al 41’ sfiorano la terza marcatura con un velenoso diagonale di Brambilla dalla sinistra. Prima della chiusura del tempo si registra una potente conclusione di Cavallari che termina di poco sopra la traversa.
La seconda frazione è pressochè di totale marca lissonese ad iniziare dal 46’ quando Cavallari a tu per tu con Doto manda incredibilmente fuori il pallonetto. Al 53’ però Cavallari non sbaglia e sugli sviluppi di un corner scaglia un violento tiro sotto la traversa riaprendo la gara. Il momento è propizio, i lissonesi spingono e si mantengono costantemente nella metà campo avversaria. Al 66’ azione personale di Sansonetti che, partito dalla propria metà campo arriva davanti a Doto ma sbaglia la conclusione. Al 71’ sugli sviluppi di corner si accende nell’area piccola una mischia furiosa ma né Gelosa né Tagliabue riescono a spingere la palla in rete. Al 73’ Cavallari, solo davanti al portiere manca ancora la porta mentre al 75’ una conclusione di Gelosa termina di un niente sopra la traversa. All’82’ punizione dalla distanza, Tagliabue anticipa il portiere in uscita ma la sfera termina di pochissimo sul fondo. All’89’ è la volta di Suppa vedersi deviare da un difensore la conclusione a colpo sicura da centro area. Sarà questa l’ultima occasione degna di nota per un’AC ormai esausta ma che non ha mai smesso di lottare sino al triplice fischio finale.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

POKER MARIANO, TORNA LA SCONFITTA

AC LISSONE – MARIANO 1 – 4
AC LISSONE : Spessato, Narducci, Archesso, Ciofi (46′ Robas), Marone, D’Amato, Medici (75′ D’Aloisio), Fresca (75′ Brasca), Sala, Gebbia, Schiraldi (59′ Biancardini). A disp.: Buccelloni, Vecchio, Pistocchi. All. Rampinelli.
MARIANO : Marta, Galli, Agnelli, Hlukhov, Giobbi (79’ Trezzi), Salifou, Lazzarin, Bertoncini, Ingrassia, Pavanetto (73’ Colzani), Di Maio. A disp.: Campiotti, Cavalieri, Mazara, Crippa. All. Toccane.
ARBITRO : Meda di Sesto San Giovanni.
MARCATORI : 32’ Salifou (M), 50’ Lazzarin (M), 53’ Di Maio (M), 72’ Gebbia (ACL), 78’ Ingrassia (M).
ESPULSO : 90′ Hlukhov (M) per doppia ammonizione.

Lissone – Occasione buttata alle ortiche per accorciare sulla vetta della classifica per la Juniores che si fa battere in casa da un Mariano che finora aveva trovato un solo successo pieno (un altro 4-1 in trasferta inferto al Molinello).
“Male in tutto: in fase difensiva, in fase d’attacco… insomma non siamo entrati in campo subendo il Mariano, che evidentemente era in miglior giornata rispetto a noi”: il commento di mister Rampinelli dice tutto di un sabato da buttare, anzi da conservare nella memoria in modo da non ripeterlo.
Adesso la classifica vede in cima la sola Lentatese (cinquina all’Arcellasco), che si è per ora scrollata di dosso il Cantù, battuto a domicilio dalla Pro Lissone e raggiunto al secondo posto da Meda e Biassono.

Ufficio Stampa AC Lissone

OTTAVI COPPA LOMBARDIA JUNIORES

L’AC NON SFONDA E IMPATTA COL BARZAGO

AC LISSONE – BARZAGO 0 – 0
AC LISSONE : Spessato, Bonavoglia (63′ Narducci), Archesso, Ciofi, Vecchio, Marone, Pistocchi (63’ Schiraldi), Fresca (71′ Rodas), Visaggio (46’ Sala), Biancardini (78’ D’Aloiso), Vacri. A disp. Buccelloni, Brasca. All. Rampinelli.
BARZAGO : Casiraghi, Rosaspini, Zambù, Mapelli (52’ Sciarra), Corbetta, Ferrario (78’ Figini), Botti (46’ Manzoni), Cominardi (65’ Redaelli), Vitali (71’ Pirovano), Fumagalli, Relia. A disp. Comi, Gagliardi. All. Cazzaniga.
ARBITRO : Moccelloni di Milano
NOTE: Serata fredda, campo sintetico, spettatori 40 circa. Ammoniti: Spessato, Ciofi, Vacri, Schiraldi (ACL), Redaelli (B). Corner: 9 a 3 per l’AC Lissone. Recuperi: 1′ pt + 3′ st.

Briosco – La prima partita del triangolare per gli ottavi di finale di Coppa Lombardia Juniores che vedeva affrontarsi l’AC Lissone ed il Barzago si è conclusa a reti inviolate, nonostante lo scontro abbia prodotto svariate opportunità da rete mal sfruttate da entrambe le parti. Sul sintetico di Briosco i bianco-azzurri hanno espresso un buon gioco, con triangolazioni pregevoli e buon utilizzo delle fasce, ma dove sono mancati è stato in fase realizzativa denotando poca lucidità e cattiveria. Il pareggio, dopo quanto visto, è un risultato che sta un pò stretto ai padroni di casa che, in ottica passaggio del turno, impone una vittoria nella trasferta di Carugate del 30 ottobre prossimo.
La prima frazione mette da subito in evidenza le doti di Vacri che anima la fascia destra con discese ficcanti che al 7’ lo portano davanti all’estremo ospite che è bravo a deviare di piede la deviazione del lissonese. La risposta del Barzago arriva al 14’ grazie anche ad un errato disimpegno della difesa, la conclusione di Relia è però respinta dall’attento Spessato. Dalla fascia destra nascono le migliori opportunità lissonesi, come al 26’ quando Vacri sguscia fino al fondo, la mette in mezzo per Visaggio che viene anticipato di un soffio al momento della conclusione. Al 30’ ci prova ancora Visaggio ma il suo colpo di testa da buona posizione risulta debole e centrale. Non miglior fortuna ha il colpo di testa di Fresca al 35’ che lambisce di poco la traversa su punizione di Ciofi. Gli ospiti si vedono a fine periodo più per le proteste per un mancato fischio dell’arbitro che per effettivi pericoli creati alla porta di Spessato.
La ripresa si apre con una ghiotta opportunità per Pistocchi ma il suo piattone termina di poco sul fondo. Il pallino è saldamente in mano lissonese con gli ospiti che si rendono pericolosi solo con palle inattive, come al 54’ quando Spessato si deve superare per deviare in corner una punizione di Ferrario. La risposta lissonese è affidata prima a Biancardini, con un tiro a incrociare, e poi a Fresca, con una conclusione dalla distanza, ma in entrambi i casi la sfera termina di poco sul fondo. Ma l’occasione più ghiotta capita al 68’ a Sala che, dribblato il portiere, tira a colpo sicuro ma troppo debolmente permettendo al difensore di spazzare in corner. I giallo blu del Barzago rompono la pressione lissonese al 77’ con Pirovano la cui conclusione termina sul fondo di un niente. L’ultima conclusione degna di nota è di Schiraldi all’80’ ma anche questa volta la mira è imprecisa e l’opportunità sfuma. Negli ultimi scampoli di partita non succede altro, ed il triplice fischio dell’arbitro manda in archivio una prestazione tutto sommato positiva alla quale è mancato solo l’acuto decisivo.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

TANTI AUGURI A ……..

TANTI AUGURI A ……. SCHIRALDI FABIO

Per “Tanti auguri a …”, quest’oggi facciamo gli auguri a Schiraldi Fabio. Nato il 19/10/2000,Fabio è arrivato in casa AC proveniente dalla Folgore Caratese, ed è al suo primo anno con la formazione Juniores bianco-azzurra.
Tanti auguri Fabio.
Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

IL CINISELLO SPRECA……CENTEMERO LO CASTIGA

AC LISSONE – CINISELLO 1 – 0
AC LISSONE : Citterio, Motta (60’ Cappellini), Brambilla, Tagliabue, Colombo (79’ Bonavoglia), Donnadio, Brasca (79’ Ceppi), Gelosa, Centemero (90’ Castelmare), Cavallari, Sansonetti (69’ Suppa). A disp. Bacchin, Visaggio. All. Avella
CINISELLO : Fusetti, Termine, Lazzaro (85’ Lascala), Draisci (82’ Tentori), Lavizzari, Zora, Troiano, Pappapicco, Provasi, Circelli, Tombari. A disp. Lovato, Lavelli, Ghiozzi, Pellegatti, Montironi. All. Grova
ARBITRO : Pullara di Varese
MARCATORI : 81’ Centemero (ACL)
NOTE : Pomeriggio soleggiato, campo in buone condizioni, spettatori 80 circa. Ammoniti : Motta, Brasca (ACL), Zora (C). Corner: 7 a 4 per l’AC Lissone. Recuperi: 1’ pt + 5’ st.

Lissone – I tre punti che alla fine l’AC Lissone ha conquistato sono manna dal cielo per i bianco-azzurri che, fino all’80’, non avevano saputo scardinare l’attenta difesa cinisellese, anzi avevano patito non poco per arginare le ficcanti ripartenze ospiti. Troppa l’imprecisione in casa lissonese per impostare e dare continuità ad un gioco poco fluido, basato spesso sulle individualità. Al contrario gli ospiti si sono dimostrati autentici mangia-gol, sprecando svariate occasioni, anche da favorevolissime posizioni, giustificando in parte la critica posizione che occupano in classifica (penultimi con un gol fatto in sei partite). Ma, aldilà del demerito avversario e della poca fluidità di manovra, ciò che non è mai mancato in casa bianco-azzurra, anche in una giornata complicata, è stata la caparbietà di provarci fino alla fine ed è stata, forse, proprio questa a far pendere la bilancia dalla parte dell’AC.
Ma veniamo alla cronaca che si apre con una conclusione al 10’ di Circelli dalla distanza con Citterio pronto alla deviazione. La prima conclusione per i padroni di casa è ad opera di Sansonetti al 15’, ma la sfera sorvola la traversa. La risposta ospite è affidata a Provasi che costringe Citterio a rifugiarsi in corner. Al 22’ la prima grossa chance lissonese ma il colpo di testa di Centemero appostato a centro area termina sul fondo. Dopo due ghiotte opportunità fallite malamente da Provasi è Centemero al 30’ a vedersi deviare il pallonetto da Fusetti con la punta delle dita. Al 41’ conclusione dalla distanza di Donnadio con Fusetti che si distende e devia in corner.
La ripresa si apre con le veementi proteste ospiti per il rigore non concesso per un presunto tocco di mano di Tagliabue poi al 54’ un cross dalla sinistra pesca in area Troiano che, superato il proprio marcatore, calcia verso Citterio ma il pallone tocca la traversa e poi termina tra le mani di Citterio. Passano quattro minuti e l’occasione che capita a Provasi è ancora più ghiotta: errato disimpegno lissonese, palla riconquistata da Troiano che serve Provasi il quale, solo davanti a Citterio, spara incredibilmente alle stelle. Gli ospiti spingono e solo al 69’ i locali si fanno rivedere dalle parti di Fusetti, ma la deviazione di Cavallari è troppo debole. Si arriva così all’81’: corner battuto da Ceppi, palla in area e incornata di Centemero che anticipa l’uscita alta dell’estremo ospite. Rinfrancati dal vantaggio i ragazzi di Avella controllano il tempo restante ed anzi, grazie allo sbilanciamento e allo sconforto avversario, hanno anche due palle per raddoppiare ma prima Cavallari e poi Castelmare mancano il bersaglio.
Si archivia così, nonostante tutto, un turno favorevole, in vista della prossima trasferta che vedrà i bianco-azzurri affrontare la Di.Po. Vimercatese, sconfitta oggi a Colico e raggiunta in vetta da Vibe Ronchese e Pontelambrese.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

AC DAI DUE VOLTI ….. PRIMA RISCHIA POI DILAGA

ARDISCI E SPERA – AC LISSONE 0 – 3
ARDISCI E SPERA : Manulli, Alic (84’ Dini), Marson, Cattaneo (60’ Farioli), Moretti, Traversa, Colombo, Valsasina (71’ Terzaghi), Frigerio (55’ Di Fulvio), Pina, Consiglio (60’ Cecchetto). A dis. Bohkali, Eportentosi. All. Frigerio
AC LISSONE : Spessato, Narducci, Archesso, Ciofi, Vecchio, D’Amato (80’ Marone), Medici, Fresca, Sala (55’ Biancardini, 76’ Pistocchi), Gebbia (86’ Brasca), Schiraldi (63’ Rodas). A disp. Buccelloni, D’Alioso. All. Rampinelli
ARBITRO: Leoni di Como
MARCATORI : 46’ Fresca, 75’ e 91’ Medici (ACL)
NOTE : Pomeriggio assolato, campo in discrete condizioni, spettatori 60 circa. Ammoniti: Vecchio (ACL), Alic (AS). Corner : 7 a 3 per l’Ardisci e Spera. Recuperi : 1’ pt + 6’ st.

Como – Terra comasca propizia per i colori bianco-azzurri. Anche con l’Ardisci e Spera i ragazzi di mister Rampinelli danno prova di solidità, tecnica e cuore, portando a casa, al termine di una gara dai due volti, un’importante vittoria che conferma in classifica la formazione lissonese alle immediate spalle del duo di testa Lentatese-S.Paolo Cantù. Eppure, nella prima frazione di gioco, i lissonesi hanno sofferto le sfuriate offensive dei padroni di casa che, però, si sono trovati di fronte uno Spessato attento e dinamico, capace di negare in più occasioni il vantaggio locale con interventi degni di nota.
La ripresa vedeva i lissonesi iniziare con ben altro piglio e mentalità, passare immediatamente in vantaggio, sfruttare il momentum con azioni in velocità, senza dimenticare la qualità, raddoppiare con un’azione degna di campionati superiori e chiudere la pratica, sempre controllando agevolmente i padroni di casa, nel recupero.
Con il debutto stagionale in porta di Spessato l’undici lissonese parte subito bene e già al 1’ sfiora il vantaggio con una conclusione di Gebbia che lambisce la traversa. Al 5’ la palla buona è sulla testa di Sala ma il suo colpo di testa da buona posizione è debole. Questo inizio si dimostra però un fuoco di paglia, tanto che sino al termine del tempo si registreranno solo azioni locali, i quali, più passa il tempo più prendono il predominio del campo complice l’imprecisione degli ospiti. Al 15’ cross dalla sinistra, palla a Valsasina che da sotto misura si vede respinta la conclusione dalla pronta uscita di Spessato. Passa un minuto e la mira tradisce Traversa che vede la propria conclusione uscire di un niente alla destra dell’estremo di Rampinelli. I bianco-azzurri faticano ad impostare, trovandosi spesso costretti nella propria metà campo. Al 31’ altra grossa occasione per i locali ma il piede di Spessato respinge la conclusione a colpo sicuro di Traversa da pochi metri.
La ripresa è iniziata da un minuto ed i lissonesi passano in vantaggio: azione nata sulla sinistra, palla a Fresca che serve il libero Medici, pronta conclusione respinta dal portiere in uscita, palla recuperata dall’ 8 lissonese che dal limite insacca a porta vuota. L’AC spinge trovando con facilità il fondo per i cross, come al 51’ quando una sciabolata di Gebbia non trova nessuno pronto alla deviazione in area. L’ingresso di Biancardini dà ulteriore spinta e dinamicità all’attacco, come al 67’ quando una sua conclusione impegna l’estremo locale. E’ il preludio all’euro-raddoppio: azione impostata da Fresca, lancio centrale per Gebbia che superato il proprio marcatore è affrontato dal portiere, colpo di tacco a liberare Medici che da due passi gonfia la rete …… e gli applausi si sprecano. Sul 2-0 i locali si scuotono ma trovano ancora Spessato al 77’ a negare la rete a Pina. L’AC controlla, senza particolari rischi, ed al 91’ Medici chiude la pratica firmando la sua personale doppietta, insaccando un preciso servizio di un incontenibile Fresca, che celebra con una prestazione super il proprio compleanno.
Parecchie conferme e pochi dubbi da questa trasferta ..…. un buon viatico in vista dell’impegno di Coppa di mercoledì 18 contro il Barzago sul sintetico di Briosco, con fischio d’inizio alle 19.30.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

TANTI AUGURI A ……

TANTI AUGURI A …….CENTEMERO ALESSANDRO

Per “Tanti auguri a …”, quest’oggi facciamo gli auguri anche ad Alessandro Centemero. Nato il 14/10/1996, Alessandro è arrivato in casa AC proveniente dal Muggiò. Dopo una prima stagione molto positiva è alla sua seconda stagione nell’organico dei bianco-azzurri.
Tanti auguri Alessandro.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

TANTI AUGURI A …..

TANTI AUGURI A ……. FRESCA LORENZO

Puntata in Prima squadra per “Tanti auguri a …”. Quest’oggi facciamo gli auguri a Lorenzo Fresca. Nato il 14/10/1998, “Fresch”, arrivato in casa AC proveniente dal Centro Schiaffino, dopo aver militato nella formazione Juniores bianco-azzurra con saltuarie presenze in prima squadra, da questa stagione fa partedell’organico della formazione AC che partecipa al campionato di Promozione.
Tanti auguri Lorenzo.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone