Mese: dicembre 2019

BUON NATALE BIANCO-AZZURRO

Il Presidente, il Consiglio Direttivo, lo Staff Tecnico ed i giocatori dell’AC Lissone augurano a tutti i sostenitori lissonesi ed ai propri sponsor calorosi Auguri per un gioioso e sereno Santo Natale.

PER L’AC UN PUNTO PESANTE E CERCATO CON OSTINAZIONE

ALTABRIANZA TAVERNERIO – AC LISSONE 1 – 1
ALTABRIANZA TAVERNERIO: Ricco, Annunziata, Fumagalli, Boni (81’ Fontana), Cozza, Mauri, Corvino (78’ Ballatore), Donghi, Rossetti, Marinoni (63’ Spreafico), Pizzi (84’ Zappa). A disp. Caprani, Mondella, Gandola. All. Frigerio Carlo
AC LISSONE : Citterio, Scandolara (85’ Sala), Galimberti, Motta (85’ Bolis), Liprino, Colombo N., Lucente, Pellegrino, Colombo L., Brunati (55’ Galtarossa), Ciotta (73’ De Vecchi). A disp. Mauri, Valdez, Orlandi, Biancardini, Casiraghi. All. Corti Fabio
ARBITRO: Vigo Filippo di Lodi
MARCATORI: 8’ Rossetti (AT), 92’ Colombo L. (ACL)
NOTE: Tardo poeriggio nuvoloso e freddo, campo in buone condizioni, spettatori 80 circa. Ammoniti: Boni, Mauri, Marinoni, Ballatore (AT), Motta, Colombo L. (ACL). Corner: 4 a 3 per l’AC Lissone. Recuperi: 1’ pt + 5’ st.

Canzo – Si chiude con un meritato pareggio il girone di andata della mai doma AC Lissone che anche sul difficile campo dell’Altabrianza Tavernerio ha mostrato tutto il suo valore e la sua grinta. Con il sesto risultato utile consecutivo (tre vittorie e tre pareggi), i bianco-azzurri hanno dato una decisa accelerata alle proprie prestazioni, dimostrando di aver acquisito una spiccata personalità sia nell’impostazione e nello sviluppo del gioco sia nel contrastare le avversità, raggiungendo un’identità ben definita e graffiante, proprio come quella del “gatto” Corti. Anche tra i monti comaschi i lissonesi hanno gettato oltre l‘ostacolo tutto il loro ardimento nel tentativo di recuperare lo svantaggio iniziale riuscendovi, dopo svariate occasioni, a metà del recupero proprio con il più bersagliato dalle invettive locali, quel Colombo L. capace di lottare, gettandosi su ogni pallone, incassare colpi e alzare la voce, a volte anche più del dovuto, ma altrettanto abile nel farsi trovare pronto nel sovrastare il proprio marcatore e incornare in modo perentorio la sfera servitagli da Galtarossa, per sugellare il meritato pareggio.
Sin da subito i lissonesi evidenziavano intraprendenza tanto che dopo un solo minuto un cross teso di Ciotta dal fondo non viene finalizzato in rete per un soffio da Colombo L. appostato a centro area. La risposta locale è immediata e capita sui piedi di Rossetti che innescato ad una errata ripartenza lissonese arriva davanti a Citterio ma manda alto sopra la traversa. Al 3’ un’uscita di Ricco sradica la sfera dai piedi di Colombo L. mentre al 7’ la girata di Ciotta da centro area viene murata da due difensori. Sul ribaltamento di fronte i locali passano: azione sull’out destro, lungo cross a scavalcare la difesa, sul lato opposto irrompe Rossetti che di testa supera Citterio. Gli ospiti accusano il colpo ed i locali spingono per sfruttare l’inerzia del momento. Al 13’ un corto rinvio dal limite mette la sfera sui piedi di Rossetti che di prima intenzione cerca la via della rete con palla che esce di poco sul fondo mentre al 15’ una millimetrica imbucata mette Marinoni in condizione di battere a rete da sotto misura, palla sul palo e poi allontanata dalla difesa. Nonostante gli sforzi degli ospiti per alzare il baricentro con azioni in velocità che non sortiscono effetto, sono sempre i locali a farsi pericolosi come al 30’ quando una girata di Donghi è preda di Citterio. Al 35’ ci prova Mauri sugli sviluppi di un corner ma il suo colpo di testa termina alto sopra la traversa. Al 37’ si rivedono i lissonesi ma Galimberti manca di un niente la deviazione da sottomisura su cross teso di Colombo L. il quale, al 41’, si mette in proprio mandando la sfera a lambire la traversa.
L’inizio della seconda frazione di gioco è di marca lissonese con due conclusioni in rapida successione di Colombo L. e Brunati ma, dopo un lungo periodo di stallo, la palla del pareggio è sui piedi di Ciotta al 64’ la cui conclusione dal limite esce di poco alla destra di Ricco. La risposta locale è ghiottissima e capita un minuto dopo sui piedi di Corvino che dal limite dell’area piccola manda clamorosamente sul fondo un rigore in movimento. Da questo momento inizia una costante pressione ospite che costringe i locali nella propria metà campo. Al 67’ ci prova Colombo L. dal limite ma Ricco blocca, al 69’ bella azione con palla filtrante per Galtarossa che si libera con una veronica, entra in area e tira ma manda la sfera sopra la traversa, al 75’ percussione di Lucente sull’out sinistro, palla in mezzo non sfruttata da nessuno. I locali si affidano a sporadiche ripartenze che però non portano pericoli a Citterio se non all’82’ quando un’azione di Donghi viene sventata in corner da un provvidenziale intervento di un difensore lissonese. I bianco-azzurri spingono e si mantengono nella metà campo locale e al 90’ sfiorano il pareggio ma la girata di Galtarossa da ottima posizione viene neutralizzata dall’attento Riccio. Inizia così il recupero e al 92’ gli sforzi lissonesi vengono premiati: lungo cross dall’out destro di Galtarossa che pesca in area Colombo L. che sovrasta il proprio marcatore e insacca di testa, dando così una grande gioia a tutto il gruppo lissonese. Sembra tutto definito ed invece, al 93’, la girata di Rossetti rischia di smorzare in gola l’euforia lissonese ma la sfera prima si stampa sulla traversa e poi viene allontanata dalla difesa lissonese. E’ l’ultimo sussulto di un match estremamente vibrante.
Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

CI HA LASCIATO ATTILIO POZZI

IL PRESIDENTE PAOLO MUSSI E TUTTO IL CONSIGLIO DIRETTIVO PARTECIPANO AL DOLORE PER L’ IMPROVVISA SCOMPARSA DI ATTILIO POZZI, “IL FOTOGRAFO DEGLI SPORTIVI” SEMPRE PRESENTE SUI CAMPI DELLA BRIANZA.
BUON VIAGGIO ATTILIO!

COMUNICATO STAMPA – INVERSIONE CAMPO

La Società AC Lissone comunica che la gara che si sarebbe dovuta disputare domenica 15 dicembre alle ore 14.30 presso il Comunale di Via dei Platani contro l’Altabrianza Tavernerio verrà disputata, per inversione campo, domenica 15 dicembre alle ore 17.30 presso lo stadio San Miro di Canzo.
Ufficio Stampa
AC Lissone

UN’AC RI”LUCENTE” SI IMPONE SUL CAMPO DELLA VIBE

VIBE RONCHESE–AC LISSONE 2 – 3
VIBE RONCHESE: Origo, Tombari, Sarni (46’ Merlini), De Ponti (52’ Micò), Losa, Limonta, Corti, Isacchi, Gallo, Caspani, Ticozzi (58’ Todeschini). A disp. Carzaniga, De Marte, Sylla, Wadja, Riva, Citterio. All. Passoni Aberto
AC LISSONE : Citterio, Scandolara, Galimberti, Motta, Liprino, Colombo N., Lucente (72’ Sala),Pellegrino,Colombo L.(80’ Bolis), Brunati (86’ Orlandi), Ciotta (65’ Dell’Occa). A disp. Mauri, Valdez, De Vecchi, Biancardini, Galtarossa. All. Corti Fabio
ARBITRO:Saraci Loris di Lecco
MARCATORI:10’ e 25’ Lucente (ACL), 47’ Brunati (ACL), 81’ Todeschini (VR), 92’ Micò (VR)
NOTE: Pomeriggio nuvoloso e freddo,campo in discrete condizioni, spettatori 40 circa. Ammoniti: Tombari, Isacchi, Micò (VB), Brunati, Citterio (ACL). Corner: 6 a 2 per la Vibe Ronchesee. Recuperi: 2’ pt + 5’ st.

Bernareggio– Prosegue il buon momento dei bianco-azzurri lissonesi che ottengono la terza vittoria consecutiva in modo convincente e autoritario sul campo della tradizionalmente ostica Vibe Ronchese. Sul brullo terreno di gioco a risaltare per 80’ sono state la pressione alta, che in più di un’occasione ha messo alle strette la difesa avversaria costringendola all’errore, il fraseggio anche partendo dal basso e la determinazione in fase offensiva, nonostante qualche errore di troppo, tutte cose che i lissonesi hanno saputo dimostrare applicando i dettami di mister Corti che, al termine del match, si dimostrava estremamente soddisfatto sia per la meritata vittoria, sia per la notevole prestazione che ha portato all’ottimo risultato. Una prestazione scaturita da un collettivo coeso, che si è mosso e sacrificato con i giusti tempi ed in maniera corale, un gruppo esaltato dalle individualità e nel quale si è inserito nel migliore dei modi il nuovo arrivato Manuel Ciotta, classe 1986, e subito gettato nella mischia.
Tutto bene, ma se proprio vogliamo trovare qualcosa di negativo, sotto la lente d’ingrandimento ci mettiamo gli ultimi 15’ di partita; vuoi per la stanchezza, vuoi per l’ovvia reazione dei locali, ancor più ravvivata dalla segnatura all’81’ di Todeschini, i lissonesi hanno cercato di contenere le sfuriate dei padroni di casa con contropiedi privi però della necessaria lucidità, esponendo il fianco alle pericolose ripartenze della Vibe che solo al 92’ ha ridotto ulteriormente lo svantaggio, quando ormai il traguardo era alla vista dei lissonesi.
Con la vittoria di Bernareggio il tabellino lissonese per quanto riguarda le gare in trasferta risulta essere estremamente positivo; con quattro vittorie, due pareggi ed una sconfitta, i bianco-azzurri sono in vetta alla pertinente classifica. Anche le realizzazioni sono in attivo (14 reti fatte e 11 subite), con una media di due segnature a gara.
Con una formazione che presentava dal primo minuto il rientrante Colombo L. ed il nuovo arrivato Ciotta, sin da subito i lissonesi evidenziavano intraprendenza tanto che, dopo un contropiede in superiorità numerica malamente sciupato, al 10’ passavano in vantaggio: punizione battuta da Pellegrino per il decentrato Ciotta, palla rimessa in area dove Lucente indirizzava a rete con un preciso diagonale. La risposta locale arrivava al 17’ quando, sugli sviluppi di un cross dalla sinistra, Gallo girava a rete con bello stile mandando la sfera di poco sopra la traversa. Subito però il pallino del gioco ritornava in mano ospite, con predominio territoriale e pressione sin dalla tre-quarti avversaria; proprio da questa pressione alta al 22’ si creava una buona opportunità per Colombo L. che però perdeva l’attimo per la conclusione e l’azione sfumava. Non sfumava invece al 25’ quando un errato disimpegno locale permetteva a Ciotta di recuperare palla, servizio per Colombo L. che dal limite batteva a rete, palla sulla base del palo e sul rimbalzo si gettava Lucente che ribadiva in rete per la personale doppietta. Gli ospiti sfruttavano ogni possibilità per incrementare il vantaggio e con Ciotta andavano vicino alla terza rete sia al 27’, con una conclusione da lontano, sia al 31’ quando impegnava Origo con una potente conclusione respinta di pugno. I locali allentavano la pressione ed al 33’ rischiavano di accorciare le distanze con un colpo di testa schiacciato al suolo di Ticozzi che superava Citterio ma Lucente appostato sulla linea di porta spazzava, negando la segnatura. Al 36’ i locali sbagliavano l’ennesimo disimpegno, palla recuperata da Lucente che serviva Brunati il quale, anziché tentare la via della rete, serviva Ciotta ma il passaggio risultava troppo lungo e la palla si perdeva sul fondo.
Per ribadire le proprie intenzioni gli ospiti, dopo due minuti dall’inizio della seconda frazione, triplicavano: ripartenza sull’out destro dell’onnipresente Lucente che arrivato sul fondo crossava lungo in area per il libero Brunati, pronta girata e palla che si insacca a fil di palo. Passano tre minuti e Colombo L. aveva la palla del poker ma, solo davanti a Origo, temporeggiava troppo prima di battere a rete e quando lo faceva l’estremo respingeva in corner. Con i locali che non riescono ad arginare le trame lissonesi, si susseguono le occasioni da rete degli ospiti. Al 61’ uno scambio Ciotta-Brunati-Ciotta è interrotto da un provvidenziale intervento di un difensore, al 65’ Scandolara si presentava davanti all’estremo locale ma, anziché servire il liberissimo Ciotta, cercava la conclusione che veniva ancora respinta da Origo, al 68’ ci provava Colombo L. con una conclusione di prima intenzione ed infine al 71’ era la volta di Motta che mandava sopra la traversa. Il dominio lissonese subiva un brusco rallentamento all’81’ quando, sugli sviluppi di un errata ripartenza ospite, Todeschini riusciva a superare Citterio con un preciso diagonale a mezz’aria. I lissonesi riconquistavano terreno, ma non riuscivano ad essere ugualmente pericolosi anzi, al 92’, subivano la seconda segnatura ad opera di Micò che incuneatosi nella difesa lissonese si presentava davanti a Citterio battendolo per la seconda volta. Lo spettro del pareggio non gettava nello sconforto i lissonesi che, al contrario, al 94’ avevano la palla per chiudere definitivamente il match ma Dell’Occa, anziché servire a centro area il liberissimo Sala, cercava la conclusione che veniva respinta.
E’ l’ultimo sussulto di una gara che sembrava destinata a chiudersi tranquillamente e che invece si è ravvivata nelle fasi finali per opera di una mai doma Vibe. Fasi finali che, comunque, non possono e non devono oscurare i grandi meriti lissonesi per una vittoria meritata e ostinatamente cercata.
Nella foto: Fabio Lucente, autore di una doppietta e un assist contro la Vibe
Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

JUNIORES: DALLA LOTTA EMERGE UNA COMBATTIVA AC

AC LISSONE – C.G. BRESSO 1 – 0
AC LISSONE: Dell’Oro, Mazzucco, Archesso, Serugeri, Sala, Arosio, Ramadan (54’ Giovannetti), Caglio L., Caglio A., Flores (81’ Oppolo) Casiraghi. A disp. Alessandrelli, Marone, Nespoli, De Rosa, Galli, Tobaldin. All. Pelosi Giuseppe
C. G. BRESSO: Defente, Puglisi, Mereu, Rizzardi (85’ Martinazzoli), Casali (83’ Cocco), Tagliabue, Motta, Colombo, Masahel, Saporiti, Pezzoni (50’ Maffa). A disp. Gatti, Petrone. All. Ghio Alberto
ARBITRO: Natalizi Baldi Luca di Monza
MARCATORE: 61’ Flores (ACL) (R)
NOTE: Pomeriggio soleggiato, campo pessime condizioni, spettatori 30 circa. Ammoniti: Arosio, Caglio A. (ACL), Casali, Mereu, Saporiti (CGB). Al termine del match espulso il dirigente del C.G.Bresso. Corner: 3 a 2 per il C. G. Bresso.Recuperi : 2’ pt + 5’ st.

Lissone – La marcia dei bianco-azzurri continua. Nonostante uno scorbutico e fin troppo falloso avversario, i ragazzi di mister Pelosi seguitano nel proprio percorso di crescita, inanellando la seconda vittoria consecutiva e dando continuità ad un buon periodo di forma. Pur soffrendo, sia per le condizioni del terreno di gioco sia per il battagliero avversario, i tre punti conquistati sembrano del tutto meritati, stante il gioco propositivo e la verve agonistica messa in campo, anche se in alcune fasi del match lo sviluppo delle ripartenze e qualche errore di troppo in disimpegno hanno dato possibilità offensive agli ospiti, peraltro mai concretizzatesi. Comunque, in attesa del recupero della gara contro la Vis Nova, programmato per mercoledì 11 dicembre alle ore 19.30 sul sintetico di Briosco, ci si gode una corroborante vittoria, sia per la classifica sia per il morale dell’intero ambiente.
I padroni di casa iniziano nel migliore dei modi, pressando e mantenendosi nella metà campo avversaria, ma non riuscendo a creare azioni da rete degne di nota. Si deve così arrivare al 20’ per registrare una conclusione verso la porta difesa da Defente da parte di Caglio L. che termina alta. La risposta ospite arriva al 25’ con una conclusione di Colombo che termina altissima sopra la traversa. Passano due minuti e la palla del vantaggio è sui piedi di Caglio A. ma la sua girata da centro area risulta debole e facile preda dell’estremo ospite. Al 32’ è Flores a creare scompiglio nella tre-quarti avversaria ma la sua azione culminata con un invitante cross non è sfruttata da nessun avanti lissonese in area. Ci prova anche Serugeri a scardinare la difesa avversaria al 35’ ma la conclusione non ha esito. La pressione locale è costante ed al 39’ è ancora Flores ad impensierire Defente con una potente conclusione che viene respinta di pugno mentre al 43’ Caglio A., sugli sviluppi di uno schema su punizione, viene servito a centro area, anticipa l’uscita del portiere ma la sua conclusione attraversa tutto lo specchio della porta per poi venire allontanata dalla difesa.
La ripresa inizia blandamente, caratterizzata da continue interruzioni, tanto che si deve attendere fino al 55’ per registrare un affondo dei locali sulla fascia sinistra con Giovannetti ma il suo cross rasoterra a rientrare non viene sfruttato a dovere. Al 58’ grossa opportunità per gli ospiti con Masahel che, imbeccato da un lancio centrale si incunea nella difesa locale, si presenta davanti a Dell’Oro e manda il suo tentativo di pallonetto di pochissimo sopra la traversa. Passano tre minuti e i bianco-azzurri passano: servizio filtrante in area per lo scatto di Casiraghi che prende il tempo al proprio marcatore che lo stende, il netto rigore viene battuto da Flores che spiazza l’estremo ospite. Raggiunto il vantaggio i locali devono subire la reazione degli ospiti che però saranno pericolosi solo al 65’con una conclusione di Saporiti che termina di poco sul fondo alla sinistra di Dell’Oro. Col passare del tempo il nervosismo la fa da padrone, soprattutto dopo le vibranti proteste ospiti per la mancata concessione di un rigore, ai più apparso inesistente, per un’uscita di Dell’Oro che sradicava la sfera dai piedi di un avanti nero-verde. Di gioco sino al termine della gara se ne vede davvero poco, stante le continue interruzioni, e quelle poche azioni imbastite dagli ospiti vanno a sbattere contro la muraglia lissonese che difende con i denti il risicato vantaggio, conquistando una vittoria che dà morale e consente ai lissonesi di mantenersi attaccati al gruppone centrale della classifica.
Nella foto: Flores Estrada Jason Alexis autore del rigore che ha piegato il CGB.
Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

LA VITTORIA BIANCO-AZZURRA TINTA DI GIALLO

AC LISSONE – BARZAGO 2 – 1
AC LISSONE : Citterio, Scandolara, Galimberti, Motta, Liprino, Colombo N., Lucente, Pellegrino, Sala (67’ Dell’Occa), Brunati (76’ Bolis), Colombo L. . A disp. Mauri, Orlandi, Biancardini, Colombo E., Valdez, Casiraghi, De Vecchi. All. Corti Fabio
BARZAGO: Ripamonti, Tironi, Molteni Marceloo, Montrasio, Molteni Mattia, Fiore, Villa (87’ Longoni), Campagnari (78’ Dodesini), Sala (73’ Cremonini), Intrieri, Marinaci. A disp. Cereda, Basile, Pennati, Roberto. All. Arrigoni Roberto
ARBITRO : Pina Andrea Kilian di Como.
MARCATORI: 22’ Marinaci (B), 39’ Colombo L. (ACL), 85’ Dell’Occa (AC)
NOTE : Pomeriggio piovoso e freddo, campo molto appesantito, spettatori 70 circa. Ammoniti: Sala, Tironi (B). Espulsione: Al 90’ allontanato l’allenatore del Barzago per proteste. Corner: 3 a 3. Recuperi: 1’ pt + 4’ st.

Lissone – Il ritorno alla vittoria al Comunale, oltre ad essere ricordato come punto finale di una lunghissima astinenza, verrà soprattutto ricordato per l’epilogo che ha caratterizzato, e deciso, un match combattuto sin dal suo inizio e pesantemente condizionato nel suo svolgimento da un terreno di gioco che ben presto si è deteriorato a tal punto da far ricordare, a tratti, di assistere ad un incontro di lotta nel fango che ad una partita di calcio.
Un epilogo che permette ai ragazzi di mister Corti di inanellare la seconda vittoria ed il quarto risultato utile consecutivo, di uscire dai bassifondi della classifica e di guardare con rinnovato ottimismo agli ultimi due incontri del girone di andata contro la Vibe Ronchese e l’Altabrianza Tavernerio.
Con la medesima formazione corsara a Olgiate Molgora contro l’Aurora, ad eccezione del rientrante Colombo L. al posto di Biancardini, i bianco-azzurri iniziano il match con il giusto piglio propositivo tanto che nell’arco dei primi 10’ arrivano ben quattro volte dalle parti dell’estremo ospite: al 1’ una girata di Colombo . da buona posizione termina alta, al 5’ la palla del vantaggio è sui piedi di Lucente ma al momento del tiro scivola e perde l’attimo, al 6’ la conclusione al volo di Pellegrino è preda di Ripamonti ed al 9’ con una percussione di Lucente neutralizzata dall’attento Ripamonti. Con il terreno di gioco che inizia già a mostrare un preoccupante decadimento al 16’ si registra la prima conclusione ospite ad opera di Marinaci che dal limite impegna Citterio. La risposta locale porta la firma ancora di Lucente al 18’ ma sulla potente conclusione non trattenuta dal portiere nessun lissonese interviene. Il buon momento dei padroni di casa viene bruscamente interrotto al 22’ dal vantaggio ospite: lancio filtrante per Marinaci che resiste al ritorno di Scandolara e Liprino e giunto in area la mette a fil di palo alla sinistra di Citterio.
L’AC accusa il colpo ma ha la forza, gradualmente, di rigettarsi in avanti pur esponendosi alle ripartenze lecchesi come al 33’, quando una conclusione di Fiore dalla distanza esce di poco alla sinistra di Citterio. La pressione locale aumenta ed al 37’ Sala da buona posizione mette in scena una girata che avrebbe meritato miglior fortuna. Passano due minuti e i bianco-azzurri pareggiano: azione insistita sull’out sinistro del fronte d’attacco, servizio per Lucente in area che non trova l’attimo per la conclusione, si innesca una mischia con palla che schizza a centro area, il difensore nel tentativo di rinviare scivola e sulla sfera piomba Colombo L. che di potenza insacca. A legittimare il buon momento lissonese arriva al 44’ un’ottima opportunità per Lucente che appostato nelle vicinanze del palo alla destra di Ripamonti non riesce a ribadire in rete un invitante cross di Colombo L.
La seconda frazione è iniziata da poco che a mettersi in luce è Colombo L. ma la sua conclusione, dopo il controllo di petto, va a lambire la traversa. Le azioni, stante le condizioni del campo che impediscono qualsivoglia fraseggio palla a terra, sono sempre più caratterizzate da lunghi lanci e proprio sugli sviluppi di uno di questi al 54’, Marinaci ha la palla del vantaggio ma la conclusione indirizzata all’angolino viene deviata da Citterio. Al 65’ ghiottissima occasione per Colombo L. che pescato in area da un cross di Lucente, lascia scorrere la sfera sorprendendo il proprio marcatore ma al momento del tiro perde l’appoggio e manda alto sopra la traversa. Al 67’ mister Corti si gioca la carta Dell’Occa che prende il posto di un esausto Sala. Anche i disimpegni sono causa di apprensione come al 77’ quando un retropassaggio di Scandolara si arresta in una pozzanghera al limite dell’area costringendo Citterio ad una tempestiva uscita per anticipare l’avanti del Barzago. Dopo vari tentativi naufragati nel fango, l’affondo giusto per il vantaggio dei locali arriva all’85’ quando, da un’azione di Colombo L. sull’out destro, scaturisce un lungo cross che attraversa tutta l’area e arriva sui piedi di Dell’Occa che ha tutto il tempo di controllare ed insaccare con un preciso diagonale.
La reazione degli ospiti è decisa e l’ingresso di Longoni dà maggior peso e centimetri in avanti. Si giunge così al fatidico minuto 88 quando balza agli onori della cronaca il direttore di gara ……. ma andiamo con ordine. E’ appunto l’88’ quando da un cross dalla destra il Barzago perviene al pareggio. Tra le proteste lissonesi e benché l’azione fosse viziata dalla posizione di fuorigioco di ben tre giocatori il direttore di gara convalida la segnatura salvo poi, dopo serrato colloquio con l’assistente che non aveva sbandierato l’evidente irregolarità, tornare sulla propria decisione, annullando la segnatura ed assegnando una punizione per fuorigioco ai padroni di casa. A questo punto a protestare in modo altrettanto veemente, dentro e fuori dal campo, sono gli ospiti che, da tutto ciò, ottengono solo l’espulsione di mister Arrigoni. Dopo una lunga e tesa pausa si riprende a giocare finchè, tra le mai sopite proteste ospiti, il direttore di gara decide la conclusione del match dopo 4’ di recupero.
Nella foto: Colombo Lorenzo autore del momentaneo pareggio lissonese.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

JUNIORES: TRE PUNTI SUDATI E PESANTISSIMI

POZZUOLO – AC LISSONE 0 – 1
POZZUOLO: Brambilla, Amatore, Piazza, Marino, Roveda, Bellotti, Salsi (85’ Argento), Arosio, Di Gregorio, Pinna (72’ Tacchio), Maestroni (87’ Zenzalari). A disp. Gabelli, Baioni, Migliore, Arnone. All. Donzelli Claudio
AC LISSONE : Dell’Oro, Mazzucco, Archesso, Borsetti, Sala, Arosio, Ramadan (58’ Giovannetti), Caglio L., Casiraghi, Serugeri (49’ Caglio A.), Flores (26’ Mahmoud, 80’ Galli). A disp. Alessandrelli, Nespoli, De Rosa. All. Pelosi Giuseppe
ARBITRO: Corna Giorgio di Bergamo
MARCATORE : Ramadan (ACL)
NOTE: Pomeriggio soleggiato e freddo, campo in buone condizioni, spettatori 50 circa. Ammoniti: Salsi, Di Gregorio (P), Caglio L. (ACL). Espulso Di Gregorio (P) per doppia ammonizione. Recuperi : 1’ pt + 4’ st.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone