Mese: novembre 2019

ALL’ULTIMO RESPIRO L’AC EVITA LA SCONFITTA

AC LISSONE – COLICODERVIESE 2 – 2
AC LISSONE : Citterio, Motta, Galimberti, Orlandi (46’ Brunati), Colombo N., Colombo E., Lucente (79’ Sala), Pellegrino (81’ Bolis), Galtarossa (62’ Dell’Occa), Colombo L., Scandolara (59’ De Vecchi). A disp. Mauri, Liprino, Donnadio, Biancardini. All. Corti Fabio
COLICODERVIESE: Vola, Cola, Pedretti, Agustoni, Leonelli, Martinelli, Mauri (81’ Paganin W.), Paganin R., Della Cristina, D’Agostino (75’ Mattaboni), Scotti. A disp. Fattarelli, Garganico, Fallati, Cristina, Tagliaferri, Ioli. All. Castelini Andrea
ARBITRO : Rignanese Alessio di Legnano
MARCATORI: 38’ Agustoni (CD), 55’ Della Cristina (CD), 84’ Colombo N. (ACL), 90’ Aut. Pedretti (CD)
NOTE : Pomeriggio piovoso e freddo, campo molto appesantito, spettatori 60 circa. Ammoniti: Colombo N., Colombo L. Pellegrino, Bolis (ACL), Cola, Paganin R., Scotti (CD). Espulso al 93’ Bolis (ACL) per doppia ammonizione. Corner: 5 a 4 per Colicoderviese. Recuperi: 1’ pt + 5’ st.

Lissone – Tutto si può dire di questa AC Lissone ma non che non abbia grinta e determinazione. E’ vero, non sempre riesce a mettere in campo quell’animus pugnandi che contraddistingue le squadre che non si arrendono mai, ma di certo ha scelto la partita giusta per dimostrare che quando è messa contro un muro sa combattere fino alla fine, senza se e senza ma. Un gruppo che contro la Colicoderviese non ha voluto arrendersi all’evidenza, che ha rischiato di naufragare ma che ha saputo lottare su ogni pallone e risollevarsi, ottenendo meritatamente quel pareggio che solo gettando il cuore oltre l’ostacolo si poteva riagguantare. Non si può trascurare il fatto che ad aiutare la sorte lissonese ha contato, oltre ai grossolani errori degli avanti ospiti, anche un pizzico di fortuna che, oltre a non guastare mai, come si sà, aiuta gli audaci e ieri i bianco-azzurri lo sono stati.
Su un terreno di gioco pesantemente condizionato dalle incessanti piogge, l’undici lissonese scende in campo con una formazione per nove undicesimi identica a quella di Muggiò, oltre al rientro dal primo minuto di Galimberti e Colombo L.. Com’era prevedibile il controllo della palla a terra risulta assai complicato per cui le due formazioni si affidano ai lanci lunghi nel tentativo di innescare gli avanti anche se, a onor del vero, nonostante l’evidenza, i locali cercano comunque di imbastire triangolazioni ottenendo però il risultato di perdere svariate palle. Al 9’ i locali hanno una buona occasione con Galtarossa ma la sua girata di testa termina abbondantemente sul fondo. La pressione degli ospiti con il passare del tempo aumenta ma è ancora Galtarossa a cercare la via della rete al 24’ con una girata che termina sul fondo. Gli ospiti si vedono al 31’ con una conclusione dalla distanza di Della Cristina con sfera che sorvola di poco la traversa, azione che viene replicata sul fronte opposto dopo un minuto da Lucente con medesimo risultato. Al 36’ la palla del vantaggio è sui piedi di Colombo L. ma la sua conclusione da sottomisura, sugli sviluppi di un corner, viene nuovamente deviata in corner dall’attento Vola. Passano due minuti e gli ospiti passano: sugli sviluppi di una lunga rimessa laterale, la sponda di testa di Mauri trova a centro area Agustoni che sovrasta il proprio marcatore e di testa schiaccia a terra la sfera che, benchè deviata da Citterio, termina lemme lemme in rete. La reazione dei locali arriva dopo tre minuti: da una veloce ripartenza dalla tre-quarti lissonese la sfera è indirizzata verso Colombo L. che viene anticipato dal proprio marcatore che però manca il rinvio, l’avanti lissonese si invola quindi verso la porta avversaria ma giunto al limite perde il controllo della sfera, cerca di servire Galtarossa ma una provvidenziale deviazione mette in azione Lucente che entrato in area defilato sulla destra conclude a rete mancando di poco il bersaglio. Gli ospiti chiudono la prima frazione in avanti e costruiscono due ghiotte occasioni, la prima al 43’ con una conclusione di Pedretti dal limite che lambisce di poco il palo alla destra di Citterio, la seconda al 45’con un lancio per Scotti che viene anticipato dall’estremo lissonese in uscita.
L’inizio della ripresa vede gli ospiti più propositivi tanto che al 48’ un cross dalla destra non trova pronti alla deviazione sia D’Agostino che Scotti appostati in area piccola. Il raddoppio però arriva al 55’ quando su lungo lancio ospite, complice un errato disimpegno lissonese, la sfera arriva sui piedi di Della Cristina che con un reciso diagonale supera Citterio in uscita. La mazzata è accusata in tutta la sua pesantezza dai locali che al 60’ rischiano di incassare la terza rete ma prima Scotti e poi Della Cristina si vedono la conclusione respinta da un super Citterio. I locali si ridestano al 62’ con un diagonale di Galtarossa che esce di poco alla destra di Vola ma sono ancora gli ospiti a sfiorare il bersaglio grosso prima al 73’ con Scotti che solo davanti a Citterio si vede la conclusione deviata in corner e poi al 77’ quando la rovesciata di Della Cristina trova ancora pronto l’estremo lissonese nella respinta. Con le spalle al muro e nulla da perdere, i lissonesi gettano nella mischia forze fresche ed iniziano una supremazia territoriale che costringe gli ospiti sulla difensiva. Gli scontri, complice il precario equilibrio e la foga lissonese, sono fin troppo maschi ma ottengono quanto sperato, costringendo gli ospiti nella propria metà campo tanto che all’84’ si giunge alla segnatura che riaccende le speranze bianco-azzurre: corner dalla destra, colpo di testa di Colombo L. con sfera che però si impantana, decisiva è la deviazione di Colombo N. in proiezione offensiva da sottomisura. Passano due minuti e la palla del pareggio è sui piedi di Dell’Occa ma la sua girata da centro area risulta debole e l’estremo ospite blocca. Ma a questo punto entra in scena Bolis ….. al 90’ da un suo cross scaturisce la beffarda deviazione di Pedretti che nel tentativo di spazzare manda la sfera a insaccarsi sul palo lontano dove l’estremo ospite non riesce a volare per evitare il pareggio ed al 93’ quando, con i locali in trance agonistica alla ricerca della vittoria, rimedia il secondo giallo lasciando i lissonesi in inferiorità numerica, inferiorità che non comporterà nessun rischio nel restanti minuti di recupero.
Si chiude così, nel migliore dei modi, un gara che stava portando i bianco-azzurri verso il baratro, nonostante l’ennesima prestazione volitiva, nonostante l’ennesimo rinvio della vittoria al comunale ma con le ennesime riflessioni ……… Questa volta, nonostante tutto, il bicchiere è decisamente mezzo pieno.
Nella foto: Colombo N. che ha riacceso la speranza lissonese con la sua rete all’84’.
Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

JUNIORES: UN BUON PRIMO TEMPO NON BASTA…..PER L’AC ARRIVA LA SCONFITTA

MARIANO – AC LISSONE 4 – 1
MARIANO: Gerosa, Brendolini, Asnaghi, Rivolta (50’ Villa), Citterio, Lissoni, Sciascia (82’ Scilingo), Colciago (66’ Fenotti), Pavanetto, Calabrese (47’ Chirico), Cazzaniga (54’ Ambivero). A disp. Marta, Pasquali. All. Bellantone Lorenzo
AC LISSONE : Dell’Oro, Valdez, Archesso (64’ Mazzucco), Borsetti, Sala, Arosio, Ramadan (47’ Caglio A.), Caglio L., Casiraghi (76’ Nosella), Serugeri (79’ Galli), Flores (53’ Mahmoud). A disp. Alessandrelli, Nespoli, Marone, De Rosa. All. Pelosi Giuseppe
ARBITRO: Meroni Pietro di Como
MARCATORE AC : Serugeri
NOTE : Pomeriggio nuvoloso e freddo, campo sintetico, spettatori 50 circa. Ammoniti: Calabrese, Lissoni, Sciascia (M), Mahmoud (ACL). Recuperi : 1’ pt + 4’ st.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

AC ….. UN PUNTICINO PER INTERROMPERE LE SCONFITTE

MUGGIO’– AC LISSONE 0 – 0
MUGGIO’: Pavanelli, Vaghi, Bonavoglia, Odone, Gandini, Fumagalli, Mauro (73’ Dolgetto), Circelli, Pistola (53’ D’Apice), Jedaias (61’ Costantino), Sansonetti (90’ Ramadan). A disp. Pungente, Cesana, Menghetti, Di Gioia, Volpi. All. Natobuono Francesco
AC LISSONE : Citterio, Bolis (46’ Galimberti), Motta, Orlandi (75’ Brunati), Colombo N., Colombo E., Lucente (71’ Biancardini), Pellegrino, Sala (79’ De Vecchi), Galtarossa, Scandolara. A disp. Mauri, Liprino, Valdez, Casiraghi, Caglio A. . All. Corti Fabio
ARBITRO : Saffioti Paolo di Como
NOTE: Pomeriggio parzialmente soleggiato, campo in buone condizioni, spettatori 60 circa. Ammoniti: Gandini (M), Orlandi (ACL). Recuperi: 1’ pt + 4’ st.

Muggiò – Il risultato a reti inviolate in quel di Muggiò ha interrotto la striscia negativa di tre sconfitte consecutive che i ragazzi di mister Corti avevano inanellato in questo scorcio di stagione. Il punto conquistato, ha tanto del classico brodino, che non cura del tutto ma che al contempo non fa male, muovendo la deficitaria classifica in attesa di tempi migliori, sotto ogni punto di vista. Il non aver incassato nessuna rete, benché i locali abbiano avuto maggiori opportunità, ha sicuramente giovato ad un reparto difensivo che ultimamente si è trovato sotto la lente d’ingrandimento, mentre il reparto avanzato, orfano di Colombo L. e Dell’Occa per squalifica, pur creando un paio di occasioni una delle quali ha colpito un legno, ha faticato a trovare la via della rete.
La formazione bianco-azzurra, che presentava in campo dal primo minuto Orlandi, Sala e Scandolara, ed in panchina due 2002, gli juniores Caglio Alberto e Casiraghi Jacopo, ha comunque nel complesso disputato una gara propositiva, con il solito impegno, confermando di trovarsi a proprio agio più nelle gare in trasferta che sul terreno di casa, visto che proprio dalle gare lontane da Lissone è arrivata la maggior parte dei punti in classifica.
E proprio sul terreno amico si dovrà invertire la rotta, tornando a quella vittoria che manca dal lontanissimo 14 aprile quando i bianco-azzurri sconfissero dopo un tiratissimo match il Luciano Manara allenato allora da mister Corti. L’avversario non sarà dei più docili, vista la recente tradizione, fatta di scontri combattutissimi, e visto il buon momento che sta attraversando la Colicoderviese che da quando ha sostituito il proprio allenatore ha inanellato due pareggi, una sconfitta e la vittoria contro il Cabiate.
Servirà sicuramente una prestazione di ben altro spessore per far propria l’intera posta e tornare al successo anche sul terreno amico.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

JUNIORES: RECUPERO FATALE PER UNA BELLA AC

AC LISSONE – CASATESE 1 – 1
AC LISSONE: Dell’Oro, Nespoli (54’ Mahmoud), Archesso, Borsetti, Sala, Arosio, Ramadan ( 15’ Caglio A.), Caglio L., Casiraghi, Serugeri, Flores (71’ Mazzucco). A disp. Marone, Giovannetti, Oppolo, De Rosa, Galli, Aiello. All. Pelosi Giuseppe
CASATESE: Iannantuoni, Di Palma, Frigerio, Cangemi (84’ Beretta), Rossi (46’ Turati), Curti, Viganò (63’ Bindiku), D’Alessandro, Seghizzi (58’ Saracino), Lanzotti, Nigro (58’ Prestianni). A disp. Dario, Stafa. All. Ronchi Andrea
ARBITRO: Rossi Riccardo di Seregno
MARCATORI: 6’ Calio L. (ACL), 93’ Prestianni (C)
NOTE: Pomeriggio soleggiato, campo discrete condizioni, spettatori 50 circa. Ammoniti: Serugeri (ACL), Frigerio, Rossi, Viganò (C). Corner: 6 a 3 per la Casatese. Recuperi : 2’ pt + 4’ st.

Lissone – Sfuma in vista del traguardo la vittoria per una bella AC, dopo aver condotto e difeso in modo propositivo per tutta la partita il vantaggio iniziale procurato da un eurogol di Caglio L.. Il punto conquistato, anche se lascia un po’ di amaro in bocca visto quanto poco mancava al termine del match, lo si può comunque considerare giusto, stante le ghiotte occasioni create da una rude e fisicata Casatese, capace di colpire due legni e di impensierire in più occasioni un sempre attento Dell’Oro. Quello che lascia perplessi è come sia giunto il pareggio, su un’azione viziata da un netto fuorigioco non ravvisato da un direttore di gara che in più di un’occasione (duri falli da dietro non sanzionati da uno dei quali è scaturito l’infortunio a Ramadan, falli da ultimo uomo che non hanno portato a sacrosante espulsioni) è apparso quantomeno inadeguato. Comunque, l’undici di mister Pelosi, ancora una volta ha messo in campo tutto quanto in suo possesso per rendere la vita difficile all’avversario di turno, pressando altissimo nel primo tempo e ripartendo in velocità le poche volte che gli ospiti si sono affacciati nella metà campo locale, mentre nella seconda frazione, sotto la spinta ospite, le puntate offensive bianco-azzurre sono state sporadiche pur creando pericoli che solo per la poca lucidità degli avanti lissonesi non si sono tramutati in quella rete che avrebbe, forse, chiuso definitivamente il match.
I padroni di casa iniziano nel migliore dei modi ma al 3’ rischiano di soccombere complice una scivolata di Arosio che mette in azione Seghizzi che però non sa approfittare dell’opportunità. Passano tre minuti e i locali passano in vantaggio grazie ad una bordata da trenta metri di Caglio L. che si insacca all’incrocio dei pali. Al 15’ i locali devono sostituire Ramadan uscito malconcio da un duro intervento sulla mediana. I lissonesi prendono campo e al 20’ sfiorano il raddoppio con Casiraghi che appostato in area piccola manca di un niente la deviazione su cross teso di Caglio A., subentrato a Ramadan. Gli ospiti si vedono al 27’ ma Dell’Oro è lesto a sventare fuori area un’incursione di Nigro. Al 31’ i locali recriminano per la mancata espulsione di Rossi che, anticipato da Caglio A., atterra l’avanti lissonese ma viene solamente ammonito. Al 34’ un’azione corale porta Caglio A. alla conclusione ma da sottomisura spara alto. Passa un minuto e le conclusioni nella stessa azione sono addirittura tre, le prime due di Flores e Caglio A. sono respinte da Iannantuoni mentre la terza di Serugeri termina di un niente sul fondo. I bianco-rossi casatesi si rifanno vivi dalle parti di Dell’Oro al 36’ ma il colpo di testa di Curti termina ampiamente sul fondo. Ma sono ancora i locali a sfiorare il raddoppio al 42’ con un colpo di testa di Serugeri che l’estremo ospite respinge bravamente.
La ripresa si apre con un marcato predominio territoriale degli ospiti che al 48’ sfiorano il pareggio: lancio filtrante per Seghizzi che si presenta davanti a Dell’Oro, la conclusione prima si stampa sul palo e poi viene allontanata. La pressione ospite, oltremodo irruente e mai sanzionata, viene alleggerita al 56’ da un invitante cross di Caglio L. per il fratello che viene anticipato di un niente dall’estremo in uscita. Al 66’ è Borsetti a mancare di pochissimo lo specchio della porta su punizione dal limite mentre al 68’ sono gli ospiti a impegnare Dell’Oro con una conclusione a giro di Prestianni. Al 72’ altre proteste lissonesi per un’entrata da dietro di Di Palma a centro campo che lascia a terra Caglio A., ma anche questa volta il direttore di gara si guarda bene dal prendere provvedimenti. Al 78’ gli ospiti colpiscono il secondo palo con un angolato colpo di testa di Saracino, con Dell’Oro che sulla respinta fa sua la sfera. I locali faticano a rompere l’assedio: all’80’ il colpo di testa di Di Palma è respinto con un grande intervento da Dell’Oro e all’82 l’estremo lissonese si ripete sulla punizione di Turati dal limite. Nonostante le opportunità per gli ospiti il match arriva nelle fasi del recupero ed è qui, al 93’, che i locali protestano per l’ennesima volta per la convalida della rete del pareggio, realizzata da Prestianni, in evidente, ma non per l’arbitro, fuorigioco.
Si chiude così, con le recriminazioni dei lissonesi, una gara che ha dimostrato ancora una volta il valore di un gruppo che ha intrapreso un percorso di crescita importante, che giornata dopo giornata, aggiunge un tassello ulteriore al proprio apprendimento anche, e soprattutto, attraverso le delusioni.
Nella foto: Caglio Luca autore di un eurogol contro la Casatese.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone

L’AC AFFONDA NEL PANTANO DEL COMUNALE

AC LISSONE – SPERANZA AGRATE 0 – 2
AC LISSONE : Mauri, Bolis (76’ Dell’Occa), Galimberti (85’ Sala), Donnadio, Colombo N., Colombo E., Motta (63’ Lucente), Pellegrino (70’ Brunati), Galtarossa, Colombo L., De Vecchi (76’ Scandolara). A disp. Dell’Oro, Liprino, Orlandi, Biancardini. All. Corti Fabio
SPERANZA AGRATE: Brambilla, Masella (46’ Commissario), Farina, Pettenati, Agosta, Di Gioia, Crippa (85’ Tricella), Pioggia, Carollo (70’ Fresta), Riolo (65’ Bonissi), Sclapari (63’ Trabattoni). A disp. Taravelli, Battisti, Ceppi, Beretta. All. Pizzi Gianmaria
ARBITRO : Piovesan Riccardo di Treviso.
MARCATORI: 53’ Riolo, 86’ Bonissi (SA)
NOTE : Pomeriggio piovoso e freddo, campo molto appesantito, spettatori 80 circa. Ammoniti: Donadio, Motta, Galtarossa, Colombo L. (ACL), Agosta, Comissario, Tricella (SA). Espulsioni: Al 71’ Colombo L. (ACL) per doppia ammonizione, al 95’ Dell’Occa (ACL) per gioco violento. Corner: 8 a 8. Recuperi: 0’ pt + 5’ st.

Lissone – Piove sul bagnato …. e pure tanto. Al termine di una gara pesantemente condizionata dalle condizioni del campo che avrebbero dovuto consigliare al direttore di gara una più attenta riflessione sull’opportunità di far disputare il match, i padroni di casa si sono ritrovati impantanati e sconfitti in un comunale diventato ostile ai colori banco-azzurri. Il vecchio detto “chi è causa del suo mal pianga sé stesso” calza a pennello per rappresentare la situazione che sta attraversando l’undici lissonese, incapace di far valere il proprio gioco, soprattutto sul terreno di casa, incapace di trarre dalle avversità quella spinta emotiva e guerriera necessaria per risolvere i momenti no, incapace di trovare al suo interno una guida univoca e di carattere, che prenda in mano la situazione nei momenti difficili e sproni alla battaglia l’intero gruppo. Ahimè, pur con i dovuti distinguo, nessuno racchiude nel proprio essere questa caratteristica …. la volontà e l’impegno encomiabile non è sufficiente ad evitare che, col passare del tempo, lo scoramento prenda il sopravvento, minando il gioco e la mente dei giocatori, insinuando la paura di sbagliare ed un nervosismo che alla fine incide pesantemente sull’esito del match. In poche parole, tutto quanto si è visto nel match contro la capolista, apparsa determinata, cinica e sfrontata ……. qualità, queste ultime, che hai lissonesi al momento attuale mancano.
Con una formazione leggermente corretta nel reparto arretrato rispetto alla trasferta di Merate, l’undici lissonese scende in campo deciso a riscattare la figuraccia del turno precedente e l’inizio è incoraggiante perché dopo soli 30’’ la palla del vantaggio è sui piedi di Galtarossa che si vede però respinta la conclusione da Brambilla. Con il gioco che si dipana prevalentemente sulla mediana stante l’impraticabilità delle fasce e l’insidia costante di infortuni derivanti da interventi scoordinati, al 5’ è ancora Galtarossa ad avere un’opportunità per il vantaggio ma dal limite dell’area piccola manca la deviazione. All’11’ i locali protestano per l’atterramento di Galtarossa in area con la conseguenza che il 9 lissonese viene immeritatamente sanzionato per simulazione. Le condizioni meteo peggiorano e a farne le spese al 14’ sono proprio i locali che in seguito ad un retropassaggio di Galimberti rallentato dall’acqua rischiano di andare sotto ma la conclusione di Riolo dal limite dell’area piccola esce alla sinistra di Mauri. I contatti si sprecano così come i lanci lunghi e le conclusioni da palla inattiva, stante l’impossibilità di fraseggi rasoterra. Al 22’ conclusione di Riolo smorzata dall’acqua, al 27’ punizione dalla distanza di Farina bloccata da Mauri, al 33’ punizione da limite di Colombo L. che si perde malamente sul fondo. Poi, sino al termine del tempo, solo mischie nel tentativo di controllare il pallone.
L’inizio della seconda frazione vede ancora Galtarossa protagonista con un invitante cross teso per De Vecchi che controlla e tira ma un difensore in scivolata riesce a sventare in corner. Al 51’ ci prova Colombo L. dalla distanza con palla che esce di poco sul fondo. Nonostante gli sforzi lissonesi sono gli ospiti a passare al loro primo affondo della ripresa al 53’: lancio sulla destra con cross in area, contrasto con palla che si alza a campanile, sulla ricaduta il più lesto di tutti è Carollo che serve Riolo appostato al limite dell’area piccola che non ha difficoltà ad insaccare. Il colpo è duro e lascia il segno tanto che al 57’ gi ospiti sfiorano il raddoppio sempre con Riolo ma la sua girata esce di un niente alla destra di Mauri. Tra qualche inspiegabile decisione arbitrale ed una pressione locale che stenta a decollare, il clima si fa via via più nervoso ed a farne le spese è, come al solito, l’irrequieto Colombo L. che viene ammonito una prima volta. Al 67’ la più ghiotta e, a conti fatti, l’unica vera occasione per pareggiare da parte dei locali: lancio per Lucente che arriva al limite e lascia partire un diagonale che si stampa sulla faccia interna del palo, la sfera attraversa tutto lo specchio della porta venendo alla fine allontanata in corner. Passano due minuti ed i locali restano in inferiorità numerica per il secondo giallo comminato a Colombo L.. Nonostante ciò i banco-azzurri, anche grazie alle sostituzioni, cercano di riequilibrare il match ma riescono a creare solo un’occasione con un colpo di testa di Donnadio. All’86’ la partita si chiude definitivamente in favore degli ospiti, grazie ad un errato rinvio di Mauri che mette in azione Bonissi il quale, benché pressato dai difensori, giunto al limite piazza la sfera alla sinistra dell’estremo locale. Fino al triplice fischio finale si segnala solo espulsione di Dell’Occa reo di un’inutile fallo da dietro a centrocampo. Non c’è molto altro da aggiungere ….. ed è meglio così.

Fa. Ver.
‘Ufficio Stampa AC Lissone

JUNIORES: INTENSITA’ E QUALITA’ PORTANO A UNA MERITATA VITTORIA

OLGINATESE – AC LISSONE 0 – 1
OLGINATESE: Valsecchi, Losa (65’ Montana), Brini, Cattaneo, Proserpio (65’ Tomassini), Della Torre, Cavalli, Magliocca, Sica, Colombo (73’ Rossi), Torzini (55’ Mazza). A disp. Moraru, Bizzotto. All. Colleoni Giordano
AC LISSONE : Dell’Oro, Archesso, Aiello (86’ Mazzucco), Borsetti, Sala, Arosio, Ramadan (92’ Giovannetti), Caglio L., Casiraghi, Serugeri (59’ Mahmoud), Flores (54’ Caglio A.). A disp. Alessandrelli, Nespoli, De Rosa, Galli. All. Pelosi Giuseppe
ARBITRO: Baggioli Lorenzo di Lecco
MARCATORE : Caglio A. (ACL)
NOTE : Pomeriggio nuvoloso e freddo, campo in buone condizioni, spettatori 50 circa. Ammoniti: Colombo (CCC), Archesso, Caglio A., Caglo L. (ACL). Recuperi : 1’ pt + 4’ st.

Fa. Ver.
Ufficio Stampa AC Lissone